25 Giugno 2017
immagine di testa


che c´ di nuovo

FACCIAMO QUALCOSA DI SINISTRA!!!

31-07-2010 - News Generiche
La manovra economica del governo, contestata da tutte le categorie economiche e sociali, dovrebbe essere la base di partenza per riaffermare i diritti dei cittadini: lavoro, informazione, salute, ecc.

In questa fase è necessario che la politica dia delle risposte certe per superare la crisi. Né Destra né Sinistra sono in grado da sole di trovare soluzioni adeguate. Per questo vedo bene un governo tecnico-istituzionale dove siano rappresentate tutte le forze politiche democratiche. Si tratterebbe in buona sostanza, di riscrivere, prima di tutto, una nuova legge elettorale che metta al centro il diritto degli elettori di scegliere chi li debba rappresentare. Un´altra prerogativa del governo tecnico-istituzionale, oltre quella di indire nuove elezioni, sarà una manovra economica in grado di rilanciare lo sviluppo dell´occupazione e delle imprese. Una manovra che non dovrà gravare e penalizzare i soggetti più deboli, quelli per intenderci con un reddito fino a 20.000 euro l´anno. Una manovra all´insegna del risparmio e della razionalizzazione delle risorse.

Prima delle elezioni avevano annunciato tutti in coro il dimezzamento dei parlamentari, l´abolizione delle province e di altri enti inutili.

Parliamoci chiaro e veniamo al dunque. La provincia di Pisa, esempio più vicino a noi, conta 411.000 abitanti per 38 Comuni. Alcuni di ridottissime dimensioni che fanno fatica a giustificare la loro esistenza, un apparato burocratico, un apparato politico, incarichi esterni, e via spendendo. Centri che non sono nemmeno sulla cartina stradale.

Si ravvede, come i bravi padri di famiglia, operare l´accorpamento tra più comuni e la proposta, seppure provocatoria, prevede l´abolizione della provincia con il passaggio di personale e competenze a 5 super Comuni da 80.000 abitanti più o meno. Il risparmio che balza subito agli occhi deriva dal fatto che non si dovrebbe, noi contribuenti, "pagare" lo stipendio o indennità di carica che dir si voglia a ben 33 sindaci e a un numero indefinito di assessori e consiglieri.

Boia dèh ! Direbbero a Livorno.

E il risparmio non si fermerebbe qui. Penso alle auto più o meno blu, ai segretari comunali, ai direttori generali, ai ragionieri, ai tecnici, agli incarichi. Insomma si potrebbe accedere e disporre ad una vera e propria miniera d´oro. Mi fermo qui senza entrare nel merito di tanti tecnicismi. Il risparmio derivante dall´accorpamento e dalla razionalizzazione ci sarebbe eccome !!! Certo che i nuovi Consigli comunali dovranno essere rappresentati adeguatamente dagli eletti in rappresentanza degli ex comuni in modo da non perdere di vista quelli che sono i problemi del territorio e per sviluppare la partecipazione. Pensate che la nostra Regione ha anche, sul tema, varato una legge per il momento disattesa.

Il personale in esubero delle province potrà trovar posto, fino alla pensione, nei nuovi super Comuni che valuteranno se sarà il caso di rimpiazzarli in base alle disponibilità e ai risparmi ottenuti con la razionalizzazione e l´accorpamento di più autonomie locali. Anche i nuovi eletti potranno ritornare, come si faceva una volta, tra la gente per ascoltare, con spirito di servizio bisogni e fabbisogni. Questa è la strada fino ad arrivare al federalismo fiscale. Come dire: "Caro amministratore locale, caro cittadino è finito il tempo delle vacche grasse. Se vuoi che sia costruita un´opera pubblica, una piscina per esempio, frugati in tasca e se sei disposto a tassarti per realizzarla bene. Sennò fai il bagno nel Fosso, tanto caro a noi vecchi nuotatori autodidatti" fornacettesi.

Naturalmente si rimane qui per coloro che volessero sul tema dire, contestare o aggiungere qualcosa.

Buone ferie anche agli amici che rimangono alle Fornacette

Mauro Pardini


Lo stipendio mensile dei Sindaci
Dal libro "la Casta" di Rizzo, Stella - 2007 ed. Rizzoli


Fasce di popolazione
Regioni ordinarie

Fino a 1000 abitanti euro 1.291
da 1.001 a 3000 euro 1.446
da 3.001 a 5000 euro 2.169
da 5.001 a 10.000 euro 2.789
da 10.001 a 30.000 euro 3.099
da 30.001 a 50.000 euro 3.460
da 50.001 a 100.000 euro 4.132
da 100.001 a 250.000 euro 5.010
da 250.001 a 500.000 euro 5.784
oltre 500.001 abitanti euro 7.798



Fonte: gdg

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]